Naso chiuso: le cause dell’ostruzione nasale

Uno dei motivi più frequenti che inducono il paziente a rivolgersi ad un medico specialista in otorinolaringoiatria è l’ostruzione nasale. La sensazione di “naso chiuso” può determinare un peggioramento della qualità di vita, compromettendo il riposo notturno, le attività lavorative e ludiche.

Di questo argomento ne abbiamo parlato con il dott. Gabriele Borri, medico otorinolaringoiatra di Rete Pas.

Ostruzione nasale: di cosa si tratta?

Una buona respirazione nasale costituisce requisito fondamentale per evitare complicanze non solo ai seni paranasali, le cosiddette sinusiti, ma anche a livello di tutte le vie aereo-digestive superiori, innescando problematiche a carico di faringe e laringe, nonché problematiche di tipo tracheo-bronco-polmonari.

L’anatomia delle fosse nasali è tale da permettere la depurazione, il riscaldamento e l’umidificazione dell’aria che inspiriamo e che deve raggiungere gli alveoli polmonari dove si effettuano gli scambi gassosi.

Per chi soffre di patologie polmonari sarà capitato certamente di sentirsi consigliare un controllo delle fosse nasali da parte del proprio pneumologo, questo perché situazioni anatomiche non corrette del comparto naso-sinusale peggiorano, se non talvolta inducono, malattie delle vie aeree inferiori. Ogni qualvolta lo specialista si trova di fronte ad un soggetto che riferisce un problema di respirazione nasale deve ispezionare con accuratezza lo stato delle fosse nasali, non soltanto con la rinoscopia anteriore, ma soprattutto con l’esame endoscopico che si effettua con una ottica flessibile. Si tratta di un esame veloce, leggermente fastidioso ma non certo doloroso, assolutamente indispensabile per valutare la situazione dei meati nasali e del rinofaringe, distretti anatomici che altrimenti non è possibile valutare in altro modo.

Quali sono le cause che compromettono la respirazione nasale?

Il setto nasale, che separa la fossa nasale destra dalla sinistra, può essere deviato tanto da compromettere la respirazione del paziente in modo più o meno accentuato. Nei casi peggiori si consiglia un intervento di settoplastica al fine di ristabilire le condizioni respiratorie corrette.

Spesso è presente anche l’ipertrofia dei turbinati inferiori. I turbinati sono delle strutture ossee rivestite di mucosa e riccamente vascolarizzate che conferiscono alle pareti laterali delle fosse nasali un aspetto irregolare, sono però indispensabili per conferire al flusso inspiratorio quell’aspetto di vorticosità che permette di depurare, umidificare e riscaldare correttamente l’aria che respiriamo. Quando però assumono dimensioni eccessive finiscono per occludere le fosse nasali. In tal caso è consigliabile ridurre le loro dimensioni con interventi chirurgici che possono anche essere effettuati in anestesia locale con bisturi particolari ed innovativi come le radiofrequenze.

Ci sono poi i polipi nasali. Il nome deriva dal loro aspetto gelatinoso e biancastro. Si tratta in realtà della mucosa dei seni paranasali che, a causa della imbibizione di liquidi determinata dai fattori dell’infiammazione, assume un aspetto gelatinoso, riempie completamente le cavità sinusali e invade così le fosse nasali. I polipi originano più frequentemente dai seni mascellari ed etmoidali e spesso si ritrovano in soggetti allergici. Anche in questo caso, qualora non si riscontri un miglioramento con le terapie mediche locali e generali a base di cortisonici, antistaminici e lavaggi con soluzione salina ipertonica (l’acqua marina), è necessario intervenire chirurgicamente.

Da quanto sopra esposto si evince come sia consigliabile sottoporsi a visita specialistica otorinolaringoiatrica nel caso la sensazione di naso chiuso si protragga nel tempo, specialmente se accompagnata a perdita di sangue o a secrezione muco-purulenta.

Prenota una visita otorinolaringoiatrica

Il dott. Borri effettua visite otorinolaringoiatriche presso la sede ambulatoriale Rete Pas di Campi-SIgna.

Per prenotare è necessario chiamare il numero unico 055 71.11.11 oppure online su portale.retepas.com

 

Naso chiuso: le cause dell’ostruzione nasale