Allergia e mascherine: senza ancora più sintomi

Durante i due anni che abbiamo vissuto, l’uso delle mascherine non ha funzionato solo come dispositivo di protezione dal covid-19 ma, soprattutto durante la stagione delle allergie, è diventato indispensabile per ripararsi dai sintomi più acuti.

Come riportato dal Corriere della sera in un articolo del 18 maggio 2022, il risultato dimostrato nei mesi è che, senza l’uso delle mascherine, i soggetti allergici lamentano maggiori disturbi dovuti alle allergie. Infatti adesso, che le mascherine all’aperto non sono più obbligatorie, i sintomi tipici quali congiuntivite (rossore, bruciore, lacrimazione o prurito degli occhi), rinite (starnutazioni, prurito ed ostruzione nasale) asma (tosse secca, fischi o sibili, particolarmente durante le ore notturne) sono particolarmente aggressivi.

Quali sono le allergie stagionali?

Quando si parla di allergia ci si riferisce, comunemente, a una risposta esagerata verso uno stimolo – allergene – solitamente innocuo. Gli allergeni stagionali sono più frequentemente pollini delle piante e acari della polvere. Si stima che un adulto su cinque e un under 30 su quattro soffrono di allergia ai pollini più o meno grave. La forma allergica più diffusa è la rinite allergica da graminacee (ne soffre il 10-15% della popolazione).[fonte: Corriere della Sera]

Diagnosi e cura delle allergie

Per capire correttamente le diverse possibili allergie è necessario effettuare una visita allergologica, durante la quale il medico l’allergologo, potrà effettuare le prove mediante prick test per scoprire l’allergene a cui si è affetti.

Quando si parla di allergie è importante parlare di prevenzione per riuscire ad alleviare i sintomi allergici.

È importante ad esempio:

  • in casa o nel luogo di lavoro effettuare il ricambio di aria al mattino presto o alla sera tardi, quando la concentrazione di pollini nell’aria è inferiore e anche in questo caso è bene tenere le finestre chiuse nelle ore centrali della giornata;
  • evitare di frequentare luoghi ad alta concentrazione di pollini come parchi e giardini;
  • evitare di uscire nelle ore centrali o più calde della giornata, in cui la concentrazione pollinica è maggiore.

Non c’è una vera e propria cura contro le allergie ma si possono prescrivere farmaci a base di antistaminici e cortisonici che riducono l’aggressività dei sintomi.

Prenota una visita dall’allergologo

Nelle sedi ambulatoriali di Rete Pas di Scandicci, Firenze Campo di Marte, Firenze Ponte alle Mosse, Firenze Isolotto, Pontassieve, Montespertoli e Campi Signa è possibile effettuare visite allergologiche e test per diagnosticare le allergie anche quelle stagionali.

 

Allergia e mascherine: senza ancora più sintomi
Condividi su: