La spirometria per riconoscere lo stato di salute dei polmoni

Tra i vari esami diagnostici oggi più richiesti, soprattutto da inizio pandemia da Covid19, vi è la spirometria, semplice o globale, che studia lo stato di salute dei polmoni.
Abbiamo sottoposto alcune domande sulla spirometria dott Aurelio Rosso, medico pneumologo oltre che membro dell’equipe medica del servizio post covid di Rete Pas.

Cos’è la spirometria?

R. La spirometria è l’esame diagnostico principale e più semplice per studiare la funzionalità dei polmoni

A cosa serve?

R. Ci permette di valutare la capacità funzionale del polmone e quindi diagnosticare molte malattie polmonari come l’asma, la bronchite cronica, l’enfisema ecc.…

Che differenza c’è tra spirometria semplice e spirometria globale?

R. La spirometria semplice misura solo alcuni parametri della funzionalità polmonare quali la capacità vitale e i flussi respiratori. La spirometria globale, oltre ai parametri della spirometria semplice, misura la capacità polmonare totale (che sarebbe quella che normalmente usiamo per respirare volontariamente oltre a quella detta di riserva, che non possiamo attivare volontariamente ma che ha molto significato in alcune patologie (per esempio nell’enfisema). Inoltre la spirometria globale studia la diffusione alveolo capillare del monossido di carbonio (DLCO), che in pratica ci dice come il polmone riesce a ossigenare il sangue.

In quali casi è necessario eseguire la spirometria?

R. La spirometria è necessaria nello studio di tutte le patologie polmonari e in molte è diagnostica (polmonite, asma, bronchite cronica, enfisema, fibrosi). Inoltre, è di utilità nello valutazione di tutte le malattie che possono coinvolgere il polmone (dalle reumatologiche, alle malattie cardiache, alla anestesia, ai traumi, ecc).

Come si esegue la spirometria?

R. Il paziente respira tramite un boccaglio (come quelli per nuotare al mare o da sub) che è collegato ad una macchina che analizza il respiro. Non è un esame invasivo; unico fattore indispensabile è la collaborazione del paziente. Nel caso di test con il broncodilatatore (per es. per diagnosticare un’asma), viene spruzzato in bocca un puff di broncodilatatore (tipo Ventolin) e dopo viene ripetuta la spirometria.

La Spirometria globale presso gli ambulatori Rete Pas

Nella sede ambulatoriale Pas di Scandicci (Firenze) è attiva l’esame di spirometria globale, comprensiva anche del test di broncodilatazione farmacologica al costo di 114 euro per i soci aderenti al circuito Pas (è possibile diventare soci pagando la tessera al momento della visita, presso gli sportelli Pas).
Per prenotare la spirometria globale è necessario chiamare il numero unico 055 71.11.11 oppure online su portale.retepas.com

La spirometria per riconoscere lo stato di salute dei polmoni
Condividi su: