Telemedicina: com’è cambiato il rapporto con i consulti online

Le nuove tecnologie approdano anche nelle modalità di cura e prevenzione della salute, mostrando una serie di vantaggi che fino a qualche anno fa erano impensabili.

Nel dicembre 2020 la telemedicina è entrata a far parte del Sistema Sanitario Nazionale, diventando così al pari delle prestazioni specialistiche tradizionali. Infatti l’approccio delle persone ai consulti a distanza si dimostra sempre più in crescita.

Ad evidenziare questo apprezzamento nei confronti della sanità digitale sono i dati dell’Osservatorio Sanità di UniSalute realizzato con Nextplora, secondo cui, nel 22% dei casi, gli italiani costretti a casa sono riusciti a risolvere le proprie esigenze grazie a telemedicina, video consulti e consegna domiciliare dei farmaci. Ben il 68% ha dichiarato che queste soluzioni hanno semplificato molto la gestione dell’isolamento e il 25% le ha definite indispensabili.

Il 44% degli italiani che è stato in isolamento ha trovato nella telemedicina e nei video consulti un supporto psicologico e il 38% di coloro che li hanno usati ha apprezzato soprattutto il fatto di poter tenere costantemente monitorato il proprio stato di salute.

Applicazioni del consulto online

Come spiegano e linee guida dettate dal Ministero della Salute a livello nazionale, in materia di telemedicina, essa può essere usata in relazione alla diagnosi e alla prevenzione ma anche per il monitoraggio delle terapie.

L’uso delle visite a distanza può essere importante per:

  • le emergenze sanitarie come questa che stiamo vivendo, per poter smaltire il flusso di pazienti nelle strutture;
  • il controllo delle patologie rilevanti;
  • le visite specialistiche e controllo degli esami diagnostici;
  • i controlli periodici, per esempio, nelle discipline psichiatriche o quelle nutrizionali.

Offerta di Rete Pas

Anche le strutture mediche specialistiche private come la nostra hanno messo a disposizione dei pazienti un servizio di videoconsulto che permette di ricevere l’assistenza sanitaria direttamente dai dispositivi senza recarsi in sede.

Fare un videoconsulto con Pas a distanza vuol dire:

  • effettuare visite mediche specialistiche senza recarsi presso la struttura,comodamente da casa;
  • fornire pareri su un referto o su esami del sangue effettuati;
  • fare prevenzione e comunicare le terapie al proprio medico specialista;
  • semplificare notevolmente la comunicazione tra medico e paziente;
  • velocizzare il processo di diagnosi e cura del paziente nel pieno rispetto della sicurezza dei dati trasmessi.

Come accedere ad un videoconsulto Pas

La prenotazione dei videoconsulti avviene tramite il portale.retepas.com scegliendo tra le prestazioni presenti il “videoconsulto” (tra le specialistiche presenti ) e procedendo alla scelta di data e orario e effettuando il pagamento online;

Subito dopo aver effettuato la prenotazione, l’utente riceverà una mail con le credenziali e le indicazioni da seguire per poter effettuare il videoconsulto nel giorno stabilito;

Il giorno dell’appuntamento, l’utente dovrà collegarsi al sito www.retepas.com  e cliccare su VIDEOCONSULTO  e proseguire scegliendo la voce “ACCEDI”; a quel punto inserirà le credenziali ricevute.

Telemedicina: com’è cambiato il rapporto con i consulti online
Condividi su: