Controllo al seno: quando fare la prima visita

La visita senologica deve essere per le donne un appuntamento fisso e regolare, al di là dell’esame clinico in sè è un’opportunità per la donna di iniziare un percorso di conoscenza con una parte importante del proprio corpo.

Tramite uno specialista la paziente comprende e determina il percorso che più si avvicina alle proprie esigenze basato sui comuni fattori di rischio quali la costituzione o la familiarità, è importante sapere che qualora ci siano dei casi in famiglia bisogna fare subito controlli preventivi. Infatti i tumori al seno ereditari rappresentano circa il 14% dei casi totali.

Qual è l’età giusta

Sappiamo che sul tumore al seno la prevenzione precoce ha aiutato ad aumentare i casi di guarigione e ha portato ad una diminuzione di mortalità. Inoltre esami diagnostici sono necessari e fortemente consigliati alle donne dai 45 anni in sù.

Ma come approcciarsi ad un percorso preventivo?
Una delle domande che più frequentemente viene fatta agli specialisti è proprio l’età in cui iniziare con la prevenzione. I controlli regolari, qualora non vi siano casi di familiarità con il tumore alla mammella, andrebbero iniziati a 25-30 anni.

Alla prima visita il medico specializzato in senologia fornirà tutte le informazioni importanti alle pazienti, dirà loro come approcciarsi e sarà lui a determinare il percorso da seguire. Offrirà informazioni utili per l’autopalpazione ( pratica che bisogna eseguire costantemente) e spiegherà quali sono i segnali utili a cui prestare attenzione e quali invece possono essere trascurati.

Rivolgersi al medico, indipendentemente dall’età, nei casi in cui vi siano irregolarità nella forma o nell’aspetto della mammella, qualora vi siano delle infiammazioni nei pressi del capezzolo o si avvertono delle formazioni diverse dal solito.

Per prenotare la visita senologica negli ambulatori Pas è necessario chiamare il numero 055 71.11.11

Controllo al seno: quando fare la prima visita
Condividi su: