Quando usare il freddo e quando usare il caldo nei dolori articolari

Caldo e freddo sono due alleati fondamentali per combattere il dolore in modo efficace, il potere benefico di tale trattamento è usato da sempre ed un metodo naturale. Infatti la termoterapia, cioè l’applicazione di impacchi caldi, e la crioterapia, ossia quella di impacchi freddi, sono consigliate per alleviare i dolori muscolari o articolari.

Tuttavia cerchiamo di fare un pò di chiarezza per capire meglio quando usare l’uno e quando usare l’altro, con l’aiuto dei nostri fisioterapisti.

Partiamo dal presupposto che il calore favorisce la vasodilatazione, ossia genera un maggior afflusso di sangue e quindi favorisce il trasporto di ossigeno. Al contrario il freddo genera vasocostrizione, dunque riduce il microcircolo sanguigno.

Quando è meglio usare il freddo

Quando è meglio usare il freddoLa crioterapia ovvero l’applicazione locale di ghiaccio è considerata efficace qualora vi sia un’infiammazione. Funziona molto bene come analgesico infatti è indicato per traumi da caduta o lesioni e ancora per strappi muscolari. Con la sua azione va a rallentare il flusso sanguigno riducendo il dolore nella zona interessata attenuando dolore e gonfiore.

Come applicare il freddo sulla zona

  • Mai a contatto diretto. È consigliato sempre interporre un tessuto tra la pelle ed il ghiaccio
  • Il tempo di applicazione varia con il variare delle dimensioni della parte trattata ma vale la regola di non superare i 5 -10 minuti di fila.
  • Aspettare che la zona trattata si sia nuovamente riscaldata prima di applicarlo una seconda volta e continuare così fino alla visita medica.

Quando è meglio usare il caldo

Quando è meglio usare il caldoLa termoterapia ovvero l’applicazione locale di calore favorisce una migliore ossigenazione dei tessuti e una più efficace rimozione delle scorie. Risulta un efficace alleato contro le contratture in quanto dona una migliore elasticità delle fibre muscolari, dei tendini e dei legamenti. Nello specifico il caldo è utile per contratture, artrosi, dolore cronico, insufficienza circolatoria e, molto più frequente, per la rigidità muscolare che può essere provocata dalla contrazione dei muscoli, come nel caso di spasmi e crampi, provoca un dolore acuto e molto fastidioso che limita i movimenti dando la sensazione di essere “bloccati”.

Come applicare il caldo sulla zona

Il caldo dovrebbe essere applicato nella zona interessata, di massimo dolore ed essere tenuto per almeno 20-30 minuti.

Quando usare il freddo e quando usare il caldo nei dolori articolari
Condividi su: