La corretta respirazione del bambino

La figura del logopedista, oltre ad avere un’importanza fondamentale per le patologie legate alla comunicazione e il linguaggio (comprese quelle patologie specifiche e “improvvise” particolari legate a traumi come ad esempio nella post-chirurgia oppure nel post-covid in cui i pazienti intubati, tra le varie conseguenze, hanno subito danni anche nella corretta deglutizione o compromissione nella voce..), ha un ruolo importante anche nella corretta respirazione, in particolare dei bambini. In particolar modo si propone di “insegnare” al bambino il modo corretto di respirare, ovvero tramite il naso.

La respirazione a bocca aperta, in assenza di patologie particolari (tonsille e adenoidi ingrossate o problemi al setto nasale) non è altro che una cattiva abitudine che il bambino acquisisce e come tale va corretta.

L’importanza di respirare col naso

La normale respirazione è quella nasale – addominale: nella fase di inspirazione l’aria entra attraverso le cavità nasali e il diaframma si contrae, mentre la bocca resta chiusa e nella fase di espirazione il diaframma di rilassa e l’aria esce sempre attraverso il naso.

Respirare attraverso il naso è importante per:

  • Previene le infezioni: l’aria che passa attraverso le narici viene purificata grazie al sistema muco-ciliare; la conseguenza è che quindi ci si ammala di meno;
  • Migliora la qualità del sonno, riducendo russamento e apnee notturne;
  • Migliora la funzione fonatoria dando alla voce un suono più caldo e intenso;
  • Garantisce un miglior sviluppo muscolare e scheletrico;
  • Riduce deglutizione atipica e problemi di dentizione (palato più alto e stretto e lingua più grossa e bassa).

Le conseguenze della respirazione tramite la bocca

Una buona respirazione, non solo permette uno stato di salute migliore ma pone le basi per un migliore sviluppo della bocca, che diventa più armoniosa anche in modo estetico, ma anche del linguaggio del bambino. Pertanto una respirazione orale influisce negativamente su tale sviluppo modificando il corretto funzionamento dei muscoli della bocca.

Questa abitudine sbagliata porta ad un abbassamento della lingua e un’espansione fisiologica del palato che cresce alto e stretto, favorendo un allungamento del volto e un restringimento delle ossa mandibolari con un’arcata dentale più stretta.

A ciò si aggiunge anche una deglutizione disfunzionale perchè la lingua tende a spingere portando la punta in avanti quando si ingoia e con il tempo questo può produrre problemi dentali rilevanti. Inoltre, è dimostrato come il corretto posizionamento della lingua influisce su tutto il portamento e la corretta postura corporea.
Infine i muscoli della masticazione sono meno forti portando a difficoltà a mangiare cibi solidi.

Il ruolo del logopedista Pas

Il compito dei nostri logopedisti, qualificati e specializzati anche in questo tipo di problematiche, è quello di stimolare il bambino attraverso l’uso della respirazione nasale.

In primis, sensibilizzano la famiglia nel compito della corretta igiene nasale; una volta che le vie nasali sono libere procedono con l’eliminazione delle abitudini errate come succhiare il ciuccio o il dito e mangiarsi le unghie. Poi, attraverso alcuni “giochi” di percezione respiratoria, spiegano i vari passaggi del respiro e la differenza tra espirazione e inspirazione.

Il servizio di logopedia è attivo presso gli ambulatori Pas.
Per maggiori informazioni chiama il numero unico Pas 055 71.11.11 oppure prenota online sul nostro portale.

La corretta respirazione del bambino